«

»

feb 29

Print this Articolo

FOSCHINI…. MA SMETTILAAAAA!!!!!

Ormai sembra una guerra aperta: da una parte il giornalista Giuliano Foschini della Repubblica dall’altra il Lecce calcio. Il signore in questione, barese di origine, evidentemente non riesce a superare il fatto che il Bari sia sprofondato nella melma del calcioscommesse, con tanto di pentimenti di exgiocatori, prove e controprove. Più che una serie di articoli giornalistici i suoi scritti sembrano una vera e propria crociata contro il Lecce ed i suoi giocatori, giacchè ad oggi pur senza alcun indagato ufficiale, pur senza alcuna prova visibile il  Foschini ha ormai condannato il Lecce alla retrocessione per illecito sportivo. Non sappiamo quale sia il suo scopo reale, difficile pensare che sia quello di fare informazione giacchè i suoi articoli si basano  sul nulla totale.

Ci siamo divertiti a ripercorre le tappe della sua crociata (ringraziamo Gianluca per il suo lavoro)

7 dicembre 2010 Aggressione di Diamoutene. E’ l’articolo che fa conoscere questo giornallista ai tifosi leccesi e per questo ve lo riportiamo.  A caratteri cubitali titolava HANNO VINTO I RAZZISTI, volendo far credere che l’aggressione a Diamoutene avesse basi razziste, cosa che il giocatore stesso ha smentito.

6 giugno 2011 Inizia il tormento calcioscommesse. Nel suo articolo il Foschini elenca il Lecce come una delle cinque squadre coinvolte. L’articolo  è molto generico e forse preoccupato di non aver dato sufficiente rilevanza alla colpevolezza del Lecce, ecco che ripropone lo stesso giorno un articolo specifico sul Lecce titolando con un sonoro Lecce, sospetti sulla goleada di una partita giocata in casa. In questo caso l’articolo è incentrato sulla squadra giallorossa ma riporta solo di forse….. pare….. sembra che…

7 giugno 2011 Foschini ci ha preso gusto, ha trovato il suo filone d’oro e quindi ecco il titolone di giornata Lecce trema, due le partite sospette riferendosi alle partite con Cagliari e Genoa che di fatto scompaiono molto presto dall’inchiesta

13 gennaio 2012 Il Lecce comincia a riprendersi in classifica ai tifosi sta tornando l’entusiasmo e quindi Foschini pensa forse di avere il dovere di raffreddare questi entusiasmi. Il titolone di giornata è:  Scommesse, otto giocatori indagati Bari e Lecce rischiano di retrocedere. Leggendo quanto scritto poi ci si accorge come l’articolo sia incentrato sui giocatori del Bari mentre sui giocatori del Lecce si ripete la stessa solfa che si legge da mesi, Corvia indagato, Ferrario non ha denunciato. Insomma niente di nuovo se non che si comincia a prendere confidenza con la parola retrocessione.

11 febbraio 2012 Finalmente si riesce a far entrare nel filone scommesse anche il derby. Finalmente i baresi possono sentirsi sollevati, giacchè secondo il Foschini la partita non fu vinta sul campo ma fu conciliata, e così il titolone Clamoroso al San Nicola sospetti anche sul derby può annullare l’umiliazione subita dai baresi di vedere gli odiati nemici salvarsi vincendo a casa loro.

E arriviamo finalmente all’articolo di ieri (29 febbraio) un articolo di giubilo in cui si sentenzia che “Lecce-Lazio fu venduta” i salentini rischiano la B questa volta però il capolavoro sta nell’articolo, giacchè nell’ultimo paragrafo si recita che
È bene ricordare che alla base della giustizia sportiva c’è il principio “afflittivo”. La pena deve cioè effettivamente creare un danno alla squadra. Questo significa che se anche il Lecce di Cosmi riuscisse nell’impresa di salvarsi in questa stagione, rischierebbe di non disputare comunque il prossimo anno il campionato di serie A qualora la Figc decidesse di penalizzarla. Oltre al danno, potrebbe poi esserci anche la beffa: il rischio è partire addirittura con una penalizzazione nel campionato di serie B.
Sembra quasi che Foschini voglia suggerire qualcosa visto che inizia il suo capoverso con un E’ BENE RICORDARE, che suona quasi come una minaccia.

E’ evidente che oggi il buon Foschini ha tirato un pò troppo la corda, giacchè l’Us Lecce dopo mesi e mesi di assoluto mutismo, ha finalmente deciso di dire basta a questo scempio (dove il Foschini è in buona compagnia)  e con una nota apparsa sul sito ufficiale, comunica di aver dato mandato ai legali di tutelare al società e i suoi tesserati nelle sedi opportune.

Caro Foschini, una cosa vogliamo dirle. Lei continui pure a versare fiumi di inchiostro cercando di infangare il Lecce, ma FINO A PROVA CONTRARIA, nessun giallorosso è indagato per cui le sue idee di retrocessione del Lecce servono solo ed esclusivamente a renderle meno doloroso accettare che il vero fulcro di questo scandalo scommesse è la sua squadra del cuore.

Questo articolo è stato letto 1663 volte